CASCINA LA GHERSA “Timian” Timorasso Riserva 2016

 2490

Regione: Piemonte
Denominazione: Colli Tortonesi Doc Riserva
Vitigni: 100% timorasso
Alcol: 13,5%
Tipologia di terreno: prevalentemente argilloso, limoso e calcareo
Resa per ettaro: 60 ql.
Epoca di vendemmia: manuale a metà settembre
Maturazione ed affinamento: in acciaio sulle fecce nobili per almeno 10 mesi
Capacità di invecchiamento: oltre 10 anni
Tipologia: bianco
Formato: 0,75 lt.
Temperatura di servizio: 12° C.

Tags: ,

Descrizione

“TIMIAN” TIMORASSO RISERVA COLLI TORTONESI 2016
Cascina La Ghersa – L’azienda agricola nasce nel 1925 quando Osvaldo e Luigi Bologna, nonno e bisnonno di Massimo Postura, oggi proprietario dei vigneti, reimpiantano il vigneto Vignassa, distrutto poco prima della Prima Guerra Mondiale.
Timian e’ un Timorasso prodotto sui Colli Tortonesi, l’unica zona al mondo dove questa uva viene coltivata: il vigneto è sito nel Comune di Casasco (provincia di Alessandria), a pochi chilometri da Tortona, in Loc. Polverola, a cavallo fra la Val Grue e la Valcurona, a oltre 400 mt. di altitudine. Il Timorasso è un’uva a bacca bianca piemontese di origini antichissime, che purtroppo negli anni ’60/70 e’ stata quasi completamente rimpiazzata da altre varietà, in grado di dare risultati migliori in termini di quantità: a quei tempi purtroppo una priorità assoluta nella produzione vitivinicola.
Il Timorasso è un vino in grado di esprimere grande longevità. E’ strutturato e piacevole sin dai primi anni di bottiglia, ma con il passare degli anni si enfatizzano le note caratteristiche di questo vitigno unico
DENOMINAZIONE: Timorasso D.O.C. Colli Tortonesi
UVE: Timorasso 100%
TIPOLOGIA: bianco di grande corpo e struttura complessa
POTENZIALE DI INVECCHIAMENTO: oltre10 anni
ORIGINE: Vigneto Il Poggio nel comune di Gavi (AL), in Loc. Rovereto
SISTEMA DI ALLEVAMENTO:controspalliera a guyot laterale, coltivazione biologica con inerbimento
TERRENI: prevalentemente argilloso e limoso, calcare
DENSITA’ D’IMPIANTO: 4.500 piante/ettaro
ETA’ MEDIA: 60 anni
ESPOSIZIONE: sud/ovest
PERIODO VENDEMMIA: metà settembre
METODO: differenziata, a mano, in cassette da 20 Kg. di capacità
RESA PER ETTARO: in uva 60 quintali (1,2 Kg. per ceppo), in vino 35 ettolitri
Vinificazione: le uve vengono lasciate in macerazione pellicolare, cioè con il liquido a contatto delle bucce, a bassa temperatura per circa 12 ore al fine di estrarre dalle bucce gli aromi ed i tannini accumulatisi durante la maturazione. Segue la spremitura sofficie in pressa pneumatica e la decantazione statica del mosto a bassa temperatura. La fermentazione alcolica avviene in serbatoi in acciaio-inox a temperatura costantemente controllata di 15/16° C.: la fermentazione può protrarsi anche fino a 30 giorni.
Affinamento: al termine della fermentazione il vino fiore viene travasato e lasciato in affinamento per un periodo di circa 10 mesi sulle fecce nobili. Durante questo periodo vengono effettuati batonnàge, agitando vigorosamente il vino, al fine di mantenere le fecce in sospensione e permettere al vino di acquistare morbidezza e complessità.
Dopo l’affinamento il vino viene travasato e preparato per l’imbottigliamento: prima della commercializzazione viene lasciato ulteriormente in bottiglia per un periodo di almeno 6 mesi.
Descrizione: Colore giallo dorato brillante, che diventa intenso con l’affinamento in bottiglia. Al naso è molto complesso ed avvolgente: nei primi anni di bottiglia si riscontrano profumi particolarmente fruttati, in evidenza la nespola e la mela verde, fiori bianchi, erbe officinali, insieme alle note caratteristiche di miele e fieno ed una delicata vena minerale, tipiche del vitigno. Dopo alcuni anni in bottiglia emergono con più enfasi le note minerali di idrocarburo. Al palato si presenta caldo, elegante ed avvolgente, molto fresco grazie all’acidità sempre viva: morbido ed armonico, con una robusta struttura ben sostenuta dall’alcolicità. Anche in bocca ancora in evidenza la tipica mineralità del vitigno. Finale sapido e agrumato, lunghissimo e persistente.
Abbinamento: con antipasti caldi e saporiti, piatti a base di pesce, primi piatti e carni bianche . Formaggi a pasta molle, freschi o di media stagionatura.
Abbinamento raccomandato con la cucina piemontese: flan di “cardi gobbi” con fonduta, sfogliatina di crema alle pere con crema calda al gorgonzola, ravioli del “plin” al sugo di arrosto, Formaggio Montebore.
Temperatura di Servizio: 12 – 14° C
Potenziale di invecchiamento: oltre 10 anni

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “CASCINA LA GHERSA “Timian” Timorasso Riserva 2016”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *